Chi siamo
     ENIS in Italia
     ENIS in Europa
     Criteri di adesione
SKILLS TO CLIL 2
Perché andare a Barbiana
Iscrizione newsletter Enis

nome

email


SKILLS TO CLIL
Un progetto Leonardo da Vinci per promuovere la cooperazione transnazionale nel settore della formazione e dell'istruzione curriculare plurilingue

 

 

Il CLIL (Content and Language Integrated Learning) è un approccio metodologico associato all'uso veicolare della lingua straniera e, più generalmente, al concetto di "educazione bilingue". Questa metodologia viene usata dai docenti dell’ITI “Malignani” di Udine sin dall’a.s. 1992-93, quando un insegnante di Sistemi Automatici, previa approvazione del Collegio Docenti, iniziò ad usare la lingua inglese come lingua veicolare per l’insegnamento della sua materia.

 

La metodologia CLIL richiede ai docenti che la adottano non solo l’apprendimento in lingua straniera dei contenuti specifici della loro disciplina, ma anche l’acquisizione del lessico e della fraseologia necessari per la gestione della classe e della socializzazione quotidiana: l’attenzione del docente e del discente, quindi, non è più strettamente legata alla struttura linguistica, ma si sposta sui contenuti e sulla comunicazione, legati alle discipline.

Essa implica quindi non soltanto l’acquisizione o il miglioramento delle abilità linguistiche generali, che sono comunque un risultato immediato della formazione CLIL pur non rappresentandone l’obiettivo primario, ma soprattutto la padronanza di quegli aspetti e funzioni della comunicazione linguistica necessari all’insegnamento in lingua straniera.     

 

Nell’anno scolastico 2006/2007 la sperimentazione CLIL può avvalersi del progetto LEONARDO DA VINCI di scambi per Formatori e tutori nel settore delle competenze linguistiche – n°: I/06/A/EX-154458-SCFL, Titolo: SKILLS TO CLIL – “Training Teachers in the Skills Needed to Teach their Subject through the Medium of English”, approvato dall’Agenzia Nazionale Leonardo da Vinci e coordinato dal Malignani che ne è organismo promotore e di invio. Il progetto, attualmente in corso, vede numerosi docenti impegnati in scambi di formazione in Inghilterra. I gruppi, distinti per livelli di competenza linguistica e/o metodologica specifica della sperimentazione CLIL, sono formati da insegnanti di materie diverse dalla lingua inglese che abbiano già esperienze CLIL o siano interessati a tale sperimentazione.

 

Il progetto intende promuovere la cooperazione transnazionale nel settore della formazione curriculare plurilingue e favorire il trasferimento di competenze specifiche e la disseminazione di metodologie d’insegnamento aggiornate ed adeguate agli specifici contesti didattici della sperimentazione CLIL. Esso si propone di facilitare e aumentare la mobilità dei formatori che offre all’insegnamento una prospettiva di dimensioni più fortemente Europee e permettere ai beneficiari, formatori e tutori nel settore delle competenze linguistiche presso l’istituto promotore, di acquisire conoscenze aggiornate, esperienze e prassi innovative che includano l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, migliorare le competenze linguistiche e comunicative. Il percorso di formazione è stato certificato con l’Europass e con un attestato di partecipazione rilasciato dall’organismo ospitante.

 

In particolare il progetto dà ai beneficiari la possibilità di:

- proseguire e approfondire il processo della formazione professionale iniziale e continua in relazione ai loro metodi e alle loro prassi di lavoro nel settore delle competenze linguistiche;

- acquisire nuove competenze linguistiche attraverso la pratica delle stesse in un contesto comunicativo e formativo reale;

- acquisire, attraverso l’attività di formazione in un altro paese e in un diverso contesto organizzativo, conoscenze aggiornate, esperienze e prassi innovative nel settore della formazione linguistica CLIL che includano anche l’uso di tecnologie dell’informazione e della comunicazione;

- promuovere la disponibilità all’apprendimento continuo e permanente lungo tutto l’arco della vita professionale;

- sviluppare l’adattabilità e, soprattutto, la disponibilità alla mobilità individuale in risposta all’iniziativa della Commissione Europea che ha proclamato il 2006 “Anno europeo della mobilità professionale”.

 

La formazione contemporanea di gruppi di docenti dello stesso istituto permette di produrre moduli CLIL da condividere con colleghi delle stesse discipline e introdurre in modo sistemico la sperimentazione CLIL nell’istituto di appartenenza.

 

Riferimento per partecipare al progetto:

referente ENIS prof.ssa Caterina Gasparini

cat.rau@conecta.it

 

E’ stata inoltre attivata una community di servizio ENIS-CLIL per le scuole della rete:

 

http://community.eun.org/logcomm.cfm?area=2218

 

 

leggi gli altri contenuti dell'area: news
 
©2006 Indire